Johnny Hodges and Ben Webster: The Complete 1954-61 Small Group Sessions

Egea distribuzioni Quale appassionato non adora il tagliente fraseggio di Johnny Hodges o il sinuoso sussurrare di Ben Webster? Chi ama l’orchestra di Duke Ellington e due tra i suoi solisti più rappresentativi nonché maestri assoluti di swing, dovrà considerare … Continua a leggere Johnny Hodges and Ben Webster: The Complete 1954-61 Small Group Sessions

Blowin The Blues Away – The Bob Wilber Quintet featuring Clark Terry

Distribuzione EGEA Questa ristampa ha qualcosa di speciale. Mette insieme due musicisti in parte sottovalutati dal grande pubblico: l’immenso Clark Terry e Bob Wilber. Se ogni occasione per sentire Terry all’opera è sufficiente per accaparrarsi un disco, qui abbiamo anche … Continua a leggere Blowin The Blues Away – The Bob Wilber Quintet featuring Clark Terry

Vinyl Fetishism

Robert Dimery, 1001 album. I capolavori della musica pop-rock internazionale, Edizioni Atlante

Mike Davis, Vinile. Il disco come opera d’arte, Edizioni Atlante

No, non preoccupatevi. Non c’è nulla di vietato ai minori, in questo articolo. Il feticismo di cui si parla è legato a un prodotto che tra alti e bassi ha quasi raggiunto i settant’anni di età. Parliamo del vinile per i dischi, un materiale che ha permesso il salto tecnologico nella riproduzione della musica, portando al 33 giri long playing (che come implicava il nome stesso permetteva di abbattere i confini dei pochi minuti consentito dai formati precedenti).

Continua a leggere “Vinyl Fetishism”

di olimpiadi (invernali e non), jazz e grande letteratura

Se penso ai giochi olimpici di Torino del 2006 (e da cittadino mi è capitato di recente, con gli auto celebrativi festeggiamenti per il decennale) mi identifico in Pepe Carvalho, il detective di Manuel Vásquez Montalbán che in Sabotaggio olimpico sbotta: “lo spirito olimpico suscita in me un’angoscia metafisica e concreta”. Come dissentire dallo scrittore spagnolo quando fa pensare al suo investigatore: “Esiste piacere maggiore che l’essere l’unico a godere la propria negazione dei giochi olimpici di Barcellona? Volendo analizzare quel personale rifiuto degli eventi, poteva argomentare che si tratta di baldorie extrasportive trasformate in eccellenti affari urbanistici e mediatici”. Continua a leggere “di olimpiadi (invernali e non), jazz e grande letteratura”

Gialli, fumetti e jazz. Un piccolo omaggio a Umberto Eco

Il libro Sassofoni e pistole non esisterebbe senza Umberto Eco. Una disamina del giallo letterario come prodotto della cultura di massa e come modo di interrogarsi su alcuni temi nodali per la letteratura o la musica sarebbe stato impensabile senza -cito alla rinfusa i primi titoli che mi vengono in mente- alcuni suoi lavori: Apocalittici e integrati, Sei passeggiate nei boschi narrativi, Il superuomo di massa.

Continua a leggere “Gialli, fumetti e jazz. Un piccolo omaggio a Umberto Eco”